“Da quel giorno è iniziata la mia solitudine”

Mi ci sono voluti diversi giorni prima di poter raccontare l’esperienza vissuta durante i cinque giorni di pellegrinaggio nell’Alto Ariari. Quante storie di violenza, soprusi, morte. E quanto coraggio e dignità tra coloro che sono sopravvissuti e oggi cercano verità e giustizia.

Carmen Helena aveva appena tredici anni quando il 6 febbraio 2004 i paramilitari assassinarono sua madre, Maria Lucero e suo fratello Daniel, 16 anni.

Ricordo che quella sera la mamma mi stava preparando la cena, quando i paramilitari vennero a cercarla. Non era la prima volta che succedeva, ma quella sera mi disse di non voler più scappare. Io gridavo, cercavo aiuto, ma era come se il villaggio fosse deserto. Quando mio fratello si svegliò, si mise in mezzo per proteggermi e così i paramilitari lo portarono via con Maria Lusero. Pochi minuti dopo mezzanotte sentii il rumore degli spari. Li trovammo vicino alla scuola, uno accanto all’altra. E da quel giorno è iniziata la mia solitudine.

(Stefania Summermatter)

Tanto dolore, dunque, ma anche gioia e speranza, perché Padre Henry ha la grande capacità di spazzare via le lacrime con un sorriso.

(Stefania Summermatter)

La sua testimonianza, come quelle di diverse vittime del conflitto, saranno raccolte in un reportage per la Rete Uno.